Il Pensionauta Folle


Questo è il titolo che l'editore  ha voluto dare alla pubblicazione, che uscirà a primavera.
Non è un diario di bordo, anche se contiene date e luoghi precisi  di riferimento.
E’ un percorso che si snoda da 20 anni tra gli spazi sconfinati e i tempi imprevedibili di chi conosce e vive il mondo della vela.
La vela è nel libro il filo conduttore di ogni percorso e discorso, è lo stimolo, talora il pretesto, per raccontare reali episodi e situazioni che solo la vita in barca a vela sa regalare.
Sono  le annotazioni di viaggio (news) mandate nel tempo  ai soci di un Circolo Velico cittadino, che, bontà loro, hanno continuato ad attenderle, leggerle ed apprezzarle in questo ventennio. Alla fine mi hanno convinto a riunirle in un unico volume da proporre alla grande stampa.
Se sono stato indotto a credere che le mie news da vagabondo mediterraneo potessero incontrare il gradimento di un più vasto pubblico, e non solo quello  di “quattro” amici fidati, è forse per un peccato di presunzione narcisistica, di cui chiedo anticipatamente venia ai nuovi lettori, che immagino essere  appassionati di mare e di vela quanto me e dunque spero di saper incuriosire e divertire

RITORNARE

Dopo la mistica del partire, del mollare tutto e partire, mi trovo ad esaltare quella del ritornare.

È bello partire per il mare, ma è anche bello tornare sulla terraferma. Mai come quest'anno in cui ho rischiato grosso. La perdita improvvisa dell'organo di governo per eccellenza della barca, il timone, può portare alla sua perdita totale. Superare questa prova estrema e riuscire a riportare l'imbarcazione al suo porto di armamento, dopo tremila miglia e dopo cinque mesi, credo sia una bell'impresa.

In realtà niente di impossibile. È bastato affrontare giorno per giorno i problemi che si presentavano (molti, i più diversi ed imprevidibili).

Chi è rimasto a terra, sulla terraferma, avrà pure lui avuta una vita movimentata dai problemi quotidiani, terrestri. Comunque sono un privilegiato a poter staccare e mollare gli ormeggi, ogni anno per 5/6 mesi. Ogni anno parto con la filosofia da ultimo viaggio, come se fosse un azzardo, per le tante miglia da percorrere, per l'età e gli acciacchi da portare allo sbaraglio.

Credo sia anche la condanna del marinaio, diviso tra la smania di uscire in mare aperto per affrontale la tempesta e la spinta a rientrare, prima possibile, in un porto sicuro.

Dovrò in ogni caso aspettare ancora qualche anno per poter partire come recordman, come il più anziano a tentare il giro del mondo in solitario.

Sarà allora sí l'ultimo viaggio, magari senza ritorno.

Le famiglie in Europa, che si trovano ad affrontare numerosi problemi di salute, questi individui possono comprare farmaci senza ricetta online. Con il mercato invaso da numerosi siti web che vende vari rimedi, l'acquisto di farmaci on-line non è più un problema per l'uomo comune. Altre prescrizioni sono usati per curare l'infiammazione causata da reazioni allergiche. Se siete preoccupati per problema sessuale, probabilmente già a conoscenza Kamagra Oral Jelly. Hai mai sentito parlare Comprare kamagra 100mg? Diverse farmacie lo descrivono come Oral Jelly. Ma molti problemi con la benessere sessuale possibile essere trattati. Quali sono i fatti più importanti che forse conoscete considerazione di questo? servizi medico on-line sono l'unica opzione sicura se si desidera ottenere i farmaci, come Kamagra, on-line.

L'INQUINAMENTO MI HA VERAMENTE ROTTO...IL TIMONE

Le Sporadi si sono vendicate. Ho scritto, imprudentemente, che per me sono state una mezza delusione. Forse per questo una di loro, Spopelos, me l'ha fatta pagare. Ed a Skopelos ho preso il più grosso "skopelotto" della mia storia marinara, tanto che mi fatto gridare "Mamma mia". Ero proprio in prossimità della  chiesetta sullo scoglio in cui è stata fatta una ripresa del film omonimo che ha determinata la fortuna turistica delle Sporadi.

Un ammasso di ferraglia e di legnami sul mare mi ha sbarrato improvvisamente il passaggio e la pala del timone è andata in frantumi (tutta la vetroresina sbricciolata). Sono rientrato nel porto più vicino timonando con i resti di poliuretano rimasto adeso allo scheletro metallico del timone.

Per arrivare ad Atene, dove mi avrebbero ricostruito il timone definitivo (il quarto), ho provveduto prima in proprio, poi con l'aiuto di qualche carpentiere locale, a costruire, in successione, ben tre timoni di fortuna.

Il primo, autocostruito in tre giorni di lavoro subacqueo a Skiathos, era costituito di due lastre di plexigas imbullonate e fissate con lunghi cavi d'acciao. Non ha resistito alla prima robusta virata. Il secondo, costruito nottetempo  da un volenteroso carpentiere di Loutraki con una robusta lamiera d'acciaio, è stato prima saldato poi montato ed imbullonato in immersione sullo scheletro del timone. Ci ha permesso d'arrivare a Volos, il porto più vicino (a 40miglia) in cui si potesse alare la barca.

Qui il lavoro sulla pala del timone in acciao è stato completato e migliorato, con la barca in secca, da un altro carpentiere, secondo le indicazioni precise sulla sua sagoma e sue misure originarie, che nel frattempo m'ero fatto inviare  dal cantiere costruttore.

Ero talmente soddisfatto del lavoro, dopo il suo collaudo in mare, che comunicavo alla Società Assicuratrice di poter con questo timone arrivare fino a Trieste. Comunque ci ha fatto arrivare in sicurezza ad Atene passando all'interno dell'Isola di Eubea (230 miglia).

Ad Atene il perito dell'assicurazione e l'assicurazione stessa non hanno sentito ragioni, mi hanno impedito di proseguire e mi hanno costretto a provvedere immediatamente ed in loco alla ricostruzione definitiva del timone in vetroresina. Cosa che devo dire essere avvenuta con la massima tempestività (tre giorni).

Il mare ormai è veramente sporco tale rendere pericolosa la navigazione notturna, ma anche quella diurna soprattutto se costiera.

Comunque ora la mia imbarcazione ha un organo di governo dell'ultima generazione ed ha ripreso a percorrere a ritroso le mille e più miglia per tornare a casa.

Anzi la farò più lunga.

Rinunciando alla scorciatoia del Canale di Corinto, circumnavigherò il Peloponneso da sudest per sudovest. Sono ora in prossimità del primo dei tre ditoni del Peloponneso, il Capo Maleas che mandò alla deriva Ulisse per vent'anni.

Spero di non dover ripercorrere tutte le sue disgrazie...io ho gia avute le mie.

P.S.  E Capo Maleas ha colpito ancora. Passati indenni il Capo dei Capi ci fermiamo nella baia...caraibica di Elafonisos. Una sbirciatina sott'acqua per rimirare il nostro nuovo timone e mi accorgo che la pala si sta aprendo in due. L'Odissea del timone non è ancora finita.

Ritornano in forza le maestranze da Atene per rimediare al guaio (di costruzione)

Si riparte verso il secondo dito del Peloponneso, arriviamo finalmente a Porto Gaio. Allora: "Tristezza, per favore va via"

PROSSIMA REGATA

Trofeo Erriquez - 2,3 Giugno 2018

ORARI SEGRETERIA

lunedì 10.00 - 12.00
mercoledì 10.00 - 12.00
venerdì 10.00 - 12.00
sabato 10.00 - 12.00


ORARI SEDE

lunedì 08:00 - 12.00
martedì CHIUSO
mercoledì 08:00 -12.00
giovedì 08:00 - 12.00
venerdì 08.00 - 12.00
sabato 08.00 - 12.00
domenica 08.00 - 12.00

CONTATTI

  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  +39.040.291213
   +39.340.1017298
  +39.040.291213
  Sistiana Mare, 66/A
   34011 - Duino-Aurisina
   Trieste - Italia
   C.F. 80020790327
   P.IVA 00278760327